contatore gratis

Articoli

Archivio articoli

Italia fuori dall’Euro..peo?

di Marino Lizza

Se si vuole discutere del cammino della nazionale azzurra nel campionato europeo, i milioni di “professori” di cui questo Paese dispone già animano meravigliosamente il dibattito.
Se, invece, si intende ragionare sull’opportunità della permanenza dell’Italia nella moneta unica, allora le burle non sono gradite. Perché di burle si tratta. Sul tema, negli ultimi tempi qualche voce sguaiata si è fatta sentire, perorando la causa del ritorno alla Lira quale buona idea per uscire dall’angolo. Delle due una: o si tratta di personaggi in malafede, che pur di alzare l’indice di ascolto si avventurano su terreni pericolosissimi, o di personaggi in cerca d’autore.
Qualora l’Italia uscisse dall’Euro (sola o assieme a Grecia, Irlanda, Portogallo e Spagna) lo scenario che si produrrebbe è il seguente: default del debito sovrano (non ci sarebbe possibilità di far fronte all’immediata richiesta di rientro delle quote a scadenza non trovando finanziatori per nuovo debito-spazzatura denominato in Lire), crollo del valore della Lira (direi quasi difficoltà a fissare nel breve il valore del cambio) e conseguente vampata inflattiva facilmente oltre il 20 % (ma chi ci garantisce dal canovaccio argentino: deprezzamento della valuta al 67%?), fuga di capitali dalle banche e dal mercato azionario (con conseguente probabile moratoria della libera circolazione dei capitali), blocco degli investimenti pubblici e privati. Questo è lo scenario verosimile, poi si entra nell’alveo delle ipotesi: quanto durerà il collasso, 2-3 anni o oltre? Quanto ci impiegherà la svalutazione competitiva a rilanciare la crescita? Sarebbe vera crescita o la competitività ne uscirebbe definitivamente compromessa in ragione della desertificazione industriale che nel frattempo si accelererebbe e della perdita di posizioni non più recuperabili nel medio/lungo temine?
Un conto è criticare una politica economica restrittiva che ci sta strangolando, senza apparente prospettiva di svolta, altro è caldeggiare avventure autolesionistiche, che, ovviamente, getterebbero sale sulle ferite dei più deboli.
Ciò detto, sarebbe veramente salutare, per tutti, che qualche “creativo”, fuori e dentro il Parlamento, si occupasse più di nazionale e meno della nazione.

Utente

Compila il form e avrai tutte le informazioni che ti serviranno per diventare Socio Koine
La trasparenza delle spese e delle fonti di finanziamento è un fondamento della cultura di Koinè