contatore gratis

Articoli

Archivio articoli

Serve una vera ''borsa lavori'

di Enzo Mattina (*) Da un’indagine pubblicata da L’Espresso il 26 aprile scorso si apprende che le lauree più richieste dalle aziende in questo nostro tempo di grande criticità per l’economia e per il mercato del lavoro sarebbero quelle in architettura, economia-statistica, indirizzo politico-sociale, psicologia, mentre soffrirebbero un calo di domanda ingegneria e discipline scientifiche, alla stessa stregua di giurisprudenza, discipline letterarie, filosofiche, storiche e artistiche.

Nel medesimo servizio viene pubblicata una tabellina ripresa dal XIV rapporto di Alma Laurea, pubblicato a inizio 2012, che segnala la percentuale di occupati per gruppo disciplinare a tre anni dalla laurea.

Anche questa classifica è abbastanza stupefacente, perché certifica che il 98% del gruppo medico avrebbe trovato occupazione, ma non specifica che sono i laureati in scienze infermieristiche a farla da padroni, mentre per oltre 60.000 medici gli spazi di lavoro in un sistema sanitario protetto a dismisura sono sempre più asfittici. E che dire del dato palesemente non credibile secondo cui architetti e ingegneri godrebbero di un uguale tasso di occupazione dell’85,3%, quando è notorio che la stragrande maggioranza dei giovani architetti lavora in nero o con miserabili contratti di lavoro parasubordinato? Addirittura fuori dal mondo, il posto nella classifica del placement, pari al 77%, assegnato ai neolaureati del gruppo disciplinare insegnamento, seguito dal 71,7% assegnato ai laureati in psicologia, mentre i laureati in materie scientifiche si collocherebbero solo al 57,4%.

Non metto in dubbio la buona fede di un autorevole settimanale, qual’è L’Espresso, ma ho mille ragioni di riserva sulle modalità con cui Alma Laurea, Unioncamere, CentroMarca, i tre soggetti che hanno fornito i dati, costruiscono le loro statistiche. E ne traggo spunto per mettere in evidenza che la circolazione di notizie non veritiere in ordine alla domanda di competenze favorisce la scelta di percorsi di studio disallineati con la prospettiva di accesso nel mercato del lavoro e spiega l’inadeguatezza dell’offerta di formazione professionale, che necessariamente deve seguire l’acquisizione dei titoli di studio ai vari livelli.

Per porre rimedio a un’anomalia tanto evidente non è necessario mettere in cantiere una grande e costosa riforma, ma una normale operazione di trasparenza, che, utilizzando al meglio la disponibilità di supporti digitali, caso mai open source, coinvolga le imprese di qualsiasi settore, i grandi enti erogatori di servizi collettivi, gli operatori specializzati nell’incontro tra domanda e offerta di lavoro nella messa a disposizione di dati reali e di previsioni ravvicinate così da disegnare le linee di tendenza del mercato del lavoro.

Si tratterebbe di strutturare una vera e propria borsa del lavoro, ben diversa da quella costosissima e inefficace voluta dal Ministero del lavoro, che giorno per giorno quantifichi la domanda in crescita e in calo di competenze per impieghi stabili o anche temporanei, ma standardizzati per retribuzioni e coperture assicurative. La diffusione dei dati con cadenza quotidiana sui media cartacei, digitali, televisivi, alla stessa stregua degli andamenti di borsa, dovrebbe consentire di definire periodicamente dei rates su cui regolare i termini di accesso ai percorsi scolastici dalle scuole superiori e alle università, promuovendo e facilitando di volta in volta l’ingresso ai più allineati con la domanda del mercato e rendendo più complesso quello ai meno allineati.

Per essere più chiaro, non si capisce il senso della stretta limitazione delle ammissioni a scienze infermieristiche, quando nel nostro Paese almeno da quindici anni si registra una carenza strutturale di infermieri professionali, ormai sistematicamente importati dall’Est europeo, dall’America latina e dall’Asia.

Basterebbe aumentare il numero delle facoltà e ampliare il numero dei posti a concorso per creare agevolmente alcune decine di migliaia di posti di lavoro.

Se, come dimostra la straordinaria tenuta dell’economia tedesca, con la quale abbiamo non pochi punti di contatto, abbiamo un bisogno crescente di ingegneri meccanici, elettrici, elettronici, non si capisce perché non si assicuri un forte sostegno ai giovani che si iscrivono a facoltà che richiedono impegno individuale elevato e anche costi non proprio modesti, in quanto esigono frequenza costante e impongono ottime conoscenze linguistiche, oltre che padronanza di programmi informatici complessi, di cui non sempre le Università dispongono per mancanza delle risorse finanziarie necessarie all’acquisto.

Perché non prevedere borse di studio, agevolazioni per periodi di permanenza all’estero, bonus per l’accesso a corsi di specializzazione informatica?

Da ultimo, in presenza di un tasso di disoccupazione che sfiora il 10%, non è accettabile l’inerzia dinanzi alla mancanza strutturale di operai specializzati, quali conduttori di macchine a controllo numerico, strutturisti, manutentori, tecnici dei materiali compositi, elettricisti, saldatori ecc., tutte figure professionali che da anni andiamo a ricercare all’estero.

Interroghiamoci su come si possa superare una contraddizione tanto eclatante.

In primo luogo, credo che sia necessaria una svolta culturale, che faccia giustizia di semplificazioni sociologiche che negli ultimi 20 anni hanno diffuso l’errata convinzione che l’aggettivo “postindustriale” appiccicato a un qualsiasi sostantivo potesse di per sé dar luogo a processi di smaterializzazione così diffusi e profondi da non rendere più necessario il saper fare, considerato con grande disinvoltura roba di altre epoche.

E’ il tempo di rivalutare i mestieri, di ridare valore al lavoro manuale (oggi, per altro, nella maggior parte dei casi, meno gravoso che nel passato), prevedendo una maggiore remunerazione nelle scale tariffarie contrattuali e più solide protezioni sociali. Soprattutto è urgente e indispensabile riabilitare le scuole professionali, distrutte, prima, da un ugualitarismo superficiale, che è la cifra della scolarizzazione di massa dispensatrice di diplomi a tutti, ma di competenze a pochi; successivamente, dalla moda del postindustrialismo.

In dipendenza di queste storture, la formazione professionale di mestiere si è progressivamente trasformata in una grande macchina dispensatrice di fondi statali ed europei governata dagli assessorati regionali a beneficio di una gran massa di enti senza fine di lucro (che ipocrisia!), il cui accreditamento non dipende dalle attrezzature, dai supporti didattici, dalla qualità dei programmi di cui dispongono, ma dalla metratura delle aule e dei servizi igienici e dal possesso di una dotazione di computer anche di vecchia generazione, purché posti alla debita distanza l’uno dall’altro.

E’ evidente che questo sistema non serve al nostro sviluppo economico, al superamento del disagio dei giovani che non riescono a vedere la linea d’orizzonte del loro futuro; non è coerente con le esigenze del nostro apparato produttivo di tenere il passo con le innovazioni del nostro tempo. Per sovra-mercato, nella fase recessiva che stiamo attraversando, invece di destinare le risorse pubbliche alla qualificazione professionale per valorizzare tutti i possibili sbocchi di lavoro, si sta assistendo al loro ennesimo uso improprio in direzione della riduzione del costo del lavoro e della distribuzione di surrettizi ammortizzatori sociali.

E’ duro doverlo ammettere, ma è così.

(*) Vice Presidente Quanta SpA

Utente

Ultimi commenti

Iniziative varie



LEZIONE ANNUALE ASTRIL

Martedì 31 ottobre alle ore 10.30, presso la Sala delle Lauree del Dipartimento di Economia dell'Università di Roma Tre, si terrà laLEZIONE ANNUALE ASTRIL con il Presidente ISTAT prof. Giorgio Alleva su “LAVORO, POVERTA’ E DISUGUAGLIANZA: UNA LETTURA INTEGRATA DEI DATI”.




Seminario di discussione

Seminario di discussione: Un lungo addio? I rapporti tra i partiti e i sindacati presso il Dipartimento di Scienze sociali ed economiche (DiSSE) Facoltà di Scienze politiche, Sociologia, Comunicazione Università degli studi di Roma «La Sapienza»- Via Salaria, 113 Aula Portico - Martedì 17 ottobre 2017 ore 10:30 - 13:00



SEMINARIO ''LE RELAZIONI INDUSTRIALI''

LE RELAZIONI INDUSTRIALI TRA GALLEGGIAMENTO E PROGETTUALITÀ. NUOVE FORME DI CONTRATTAZIONE AZIENDALE, PARTECIPAZIONE E WELFARE. Il 13 giugno 2016 presso SPAZIO IDEA – VIA LANZONE 36, MILANO Ore 16.00 – 19.00

Durante il seminario verrà, tra l’altro, presentato il libro: IL MUTUALISMO. PER UN NUOVO STATO SOCIALE

di Sandro Antoniazzi, Marco Carcano, Sergio Zaninelli

 PROGRAMMA DEL SEMINARIO

Presentazione del seminario

Andrea Volpe, Direttore Generale ISMO

Introduzione al tema ed ai contenuti del libro

Sergio Zaninelli, già Rettore Università Cattolica del Sacro Cuore

Spunti per un progetto sul rapporto fra produttività, welfare aziendale, partecipazione e contrattazione aziendale

Marco Carcano, Senior Partner ISMO

Tavola rotonda coordinata da Roberto Ferrari, Senior Partner ISMO Piero Albini, Direttore Area Lavoro e Welfare di Confindustria

Marco Bentivogli, Segretario Generale FIM CISL

Elena Lattuada, Segretario Generale CGIL Lombardia

Umberto Tossini, Direttore Risorse Umane e Organizzazione Automobili Lamborghini

Interventi programmati di:

 

Manuela Amoretti, Sandro Antoniazzi, Alberto Apollo, Guido Baglioni, Roberto Benaglia, Andrea Pallante, Pierantonio Varesi, Luigi Volpe...



Il Socialismo europeo e la Grande Guerra

Il Socialismo europeo e la Grande Guerra - Trento, 23-24 giugno 2016 presso Le Gallerie Piedicastello, Trento – Sala Conferenze.

Giovedì 23 ore 15:00-19:30

Programma:

“Socialismi europei di fronte alla Grande Guerra” - Indirizzi di saluto a nome degli Enti organizzatori, della Provincia autonoma di Trento e del Comune di Trento
Presiede e modera: Giorgio Benvenuto Introduce: Paolo Pombeni Comunicazioni:

-Gabriele D’Ottavio: “Il caso tedesco” § Giulia Guazzaloca: “Il caso inglese”
-Maurizio Cau: “Il caso austriaco”
-Michele Marchi: “Il caso francese”
-Zeffiro Ciuffoletti: “Il caso italiano”

Conclusioni: Timothy G. Ashplant

“Attorno a Cesare Battisti: socialismo e nazione” Presiede e modera: Carlo Ghezzi
Introduce: Giuseppe Ferrandi
Comunicazioni:

-Mirko Saltori: “Il socialismo trentino”
-Fabrizio Rasera: “Cesare Battisti”
-Harald Troch: “Socialismo austriaco ieri e oggi”

Tavola rotonda
Presiede e modera: Gennaro Acquaviva Giuliano Amato
Susanna Camusso 



IL GOVERNO DELLA CITTA?

Convegno 12-13 maggio 2016 presso la Sala Buttinelli - parrocchia della Trasfigurazione di NSGC a  Roma in Piazza della Trasfigurazione 3 (monteverde).
Programma del convegno:
Giovedì 12 maggio alle ore 16.30: Roma un manifesto per la rinascita
Venerdì 13 maggio pre 9.30: Una politica per la città. Le buone pratiche amministrative 

Compila il form e avrai tutte le informazioni che ti serviranno per diventare Socio Koine
La trasparenza delle spese e delle fonti di finanziamento è un fondamento della cultura di Koinè