contatore gratis

Articoli

Archivio articoli

''M'è stato un maestro prima, amico dopo''

di Rino Caviglioli

Vorrei dire di Pippo Morelli, un sindacalista grande della Fim della Cisl  del sindacato, che m'è stato maestro prima amico poi.

Ho letto il ricordo che ne ha fatto Pierre Carniti. Asciutto, essenziale,  come è lui, centrato sulle politiche sindacali sulle quali Pippo ha lasciato  la sua forte impronta: la critica alle economie competitive e il primato  della solidarietà, il rapporto tra unità e potere contrattuale, la  formazione degli adulti sub specie 150 ore. Tutto molto bello e molto vero,  vorrei però aggiungere qualche ricordo.

Pippo s'è impegnato su molti fronti. S'è occupato seriamente degli "ultimi  della terra", in Brasile, così come, nel nostro paese, ha contribuito a dare  un'anima ai più aspri conflitti sociali che hanno attraversato il nostro  paese, dal no all'abolizione della legge sul divorzio all'esperienza dei "  Cristiani per il socialismo ". In questi giorni è venuta meno Margherita  Hack. Due morti diverse nel ricordo e nella percezione del mondo, eppure  così vicine: Pippo tutto anima e sentire, anche nella politica, la Hack  tutta materia, atomi, molecole, particelle, corpi celesti e astrofisica. La  differenza la fa la fede, ma che importa: non chi dirà Signore Signore  Signore entrerà nel regno dei cieli, ma chi avrà amato ....

 

Quando ho incontrato Pippo le prime volte faceva parte del gruppo di "  esperti contrattuali" confederali. Girava a Milano e per l'Italia, con la  sua borsa di cuoio piena di fogli, per insegnare le teorie del conflitto  sociale, i contenuti della contrattazione e, in tale ambito, le tecniche di  misurazione della produttività del lavoro. Per insegnare a contrattare, in  definitiva. E in effetti molti sindacalisti, giovani e no, cominciavano così  ad impadronirsi degli strumenti del mestiere e ad inseguire imprenditori ed  aziende pretendendo un maggior riconoscimento del lavoro e della sua  produttività. Una delle formule magiche utilizzate era quella del P/H, cioè  del premio di produzione calcolato non più sulla base di criteri unilaterali

fissati " dal padrone" ma definiti dal rapporto tra la produzione fatta e le  ore lavorate. Non si creda fosse una cosa da poco: con quelle tecniche  contrattuali prese grande vigore la contrattazione aziendale e, forse per la  prima volta, si resero gli attivisti sindacali protagonisti dei contenuti e  della gestione delle loro lotte. E noi della Fim e della Cisl eravamo  finalmente orgogliosi di noi stessi: non più timidi e incerti sulle lotte,  costringevamo le imprese a misurarsi su un terreno che credevano un loro  spazio riservato, quello relativo ai criteri di gestione dell'impresa,  mentre su un altro versante vedevamo i compagni comunisti della Cgil  arrancare nell'inseguirci faticosamente nel tentativo di impossessarsi di  una logica per loro del tutto nuova.

Ma Pippo, oltre che contrattualista e docente di contrattazione, ê stato  anche un maestro di vita e di sindacato. Amava profondamente la cultura, la  conoscenza e riteneva di dover regalare questo suo amore a tutti quelli che  si accostavano a lui. Dell'esperienza delle 150 ore ha già scritto Pierre.  Ma intere generazioni di sindacalisti hanno vissuto le sue proposte  formative, tutte molto aperte, fortemente critiche verso ogni forma di  settarismo e di ideologia. In tutti i luoghi e sedi sindacali immaginabili,  compreso lo splendido Centro Studi di Firenze del quale Pippo fu per qualche  anno il Direttore. Ma, come formatore, io preferisco ricordarlo per  l'attività del centro di Renesso. Faceva coppia con lui Nino Pagani, un  gigante dell'organizzazione. Nino era riuscito a prendere in affitto una  vecchia colonia fascista per ragazzi a Renesso, sull'Appennino ligure tra  Milano e Genova. I segni del tempo ( come anni passati, ma anche come epoca)  si vedevano tutti. Caduto il fascismo era rimasta lì inutilizzata. Grandi  camerate, corridoi larghi e lunghi oltre 50 metri tant'è che qualche volta i  corsisti improvvisavano chiassose partite di bocce subito represse, cucine  immense. E fuori spazi verdi a non finire tra campi e campetti sportivi di  vario tipo.

Pippo, Nino, io, con le nostre mogli e figli. E, quando venivano, Macario,  Carniti, Manghi, Antoniazzi. S'era formata una piccola comunità....

Pippo  chiamava sempre a gestire la formazione intellettuali non organici ad  alcuno, non allineati. Ci costringevano a ragionare su tutto: sul sindacato,  sull'unità, certo, ma anche sulla famiglia, sulla Chiesa,  sull'internazionalismo, sull'antagonismo sociale e sui gruppi che allora lo  esprimevano, sul movimento degli studenti, sui testimoni del cristianesimo  scomodo. E spesso erano pezzi del nostro vissut ad essere messi in  discussione, magari delle nostre un po' rigide convinzioni. In quel tempo si  fece scorta di idee e progetti nuovi, ci si avventurò per territori allora  sconosciuti ma che presto sarebbero diventati gli ambiti frequenti del  nostro impegno sindacale e sociale. Anche Nino Pagani spesso ascoltava.

E  taceva. Per lui si dicevano cose "un po' troppo di sinistra", ma era tanto  l'affetto e la stima che nutriva per Pippo per avere voglia di obiettare  qualcosa.

Maestro di vita, dunque. Era uno " del sindacato " e non " nel sindacato ".  La sua appartenenza era molto forte. Ovunque ha portato il suo stile, che a  volte poteva apparire erroneamente ingenuo, ottimistico, visionario. Ma era  lo stile di uno convinto che insieme, condividendo ideali e valori, le cose  si potevano cambiare. Trascinava, perché era autentico. No, non faceva

lezioni di morale. Era la moralità della sua vita che lasciava il segno. È  stata la sua testimonianza a segnare la nostra identità, o almeno la mia.

Ciao Pippo, riposa tra i fanciulli, i miti, i buoni del signore.

Se è lecita una sommessa osservazione, vorrei aggiungere che è  impressionante la modestia, e talvolta il silenzio, nel quale la Cisl lascia  seppellire i suoi morti. A me pare che una organizzazione che non onori la  propria memoria sia una organizzazione che anticipa la fine della propria  storia.

 

Rino Caviglioli

Utente

Compila il form e avrai tutte le informazioni che ti serviranno per diventare Socio Koine
La trasparenza delle spese e delle fonti di finanziamento è un fondamento della cultura di Koinè