contatore gratis

Articoli

Archivio articoli

28 Maggio 2014

Cari amici, oggi, 28 maggio, è il quarantesimo anniversario della strage di Brescia.
Per le concomitanze della vita io mi trovavo in quella città e in quella piazza quel giorno.
Ho sempre evitato di parlarne, se non con pochi amici; ma alcuni mesi fa accettai l'invito a portare la mia testimonianza ad una conferenza sul terrorismo politico nel dopo-guerra in Italia, 
che si svolse all'Università di Bologna nell'ambito di un ciclo di incontri sulla storia contemporanea organizzato dall'Università medesima in collaborazione con il sindacato pensionati della CGIL.
All'incontro partecipavano quindi, congiuntamente, studenti e anziani. Oltre ala mia testimonianza si svolsero relazioni di storici, di magistrati e di studiosi del fenomeno terroristico.


Ho riassunto gli appunti del mio intervento nel breve testo che vi allego; come vedrete si tratta
di un intervento breve, non esaustivo ai fini della piena ricostruzione dei fatti e del contesto.
Vi prego di considerare che si tratta di una semplice testimonianza che si aggiunse a relazioni
molto accurate da molti altri punti di vista. Tuttavia l'emozione del ricordo mi suggerisce di diffonderlo agli amici.
Saluti
Beppe

 

Giuseppe Casadio

Io, per ragioni fortuite, stavo entrando nella piazza… di fianco al Comune, proprio nel momento in cui la bomba esplodeva …Ma non intendo raccontare quello che si vide in quella piazza, perché questo ciascuno lo può immaginare. Chi è meno giovane, anche fra i presenti, di certo avrà visto tante ricostruzioni  -televisive, cinematografiche-, avrà letto tante cose utili a capire la violenza che lì si manifestò… Non è di questo che voglio parlare … invito ciascuno di voi a immaginare …!

Riporto il ragionamento a “perché Brescia?”. Lo scenario che fa da fondale anche alla vicenda di Brescia è quello che tu, Bruno, hai riassunto (quello di cui avete ragionato la volta scorsa) e che ha appena ricostruito De Lutiis. E cioè un grande processo storico si manifestava in quell’arco di anni: avanzamento di conquiste sociali, di conquiste civili, sostenute da una parte dal movimento studentesco (il ’68) e dall’altra dal movimento operaio in grande crescita. A questo movimento si opponevano forze molto potenti, di carattere politico prima di tutto. Tentativi di arrestare quella evoluzione, di farla regredire. E questa volontà politica (eminentemente politica, di destra, nel senso proprio del termine) era sostenuta, animata da cellule eversive vere e proprie (gruppi neofascisti che venivano foraggiati, incoraggiati, protetti) o, in altre fasi, da interventi diretti di strutture della Stato. Lo scenario era questo, e dentro questa lotta feroce (che si sviluppò per alcuni anni) furono messi in campo anche atti di tale barbarie, secondo quella che è stata definita anche ora da De Lutiis “la strategia della tensione”. La logica era: intimorire, spaventare la cittadinanza aiuta a conservare, provoca un riflesso d’ordine. Dentro quello scenario presero attivamente partito corpi dello Stato in varia forma e di vario tipo:  Servizi segreti, formazioni delle Forze Armate, logge massoniche annidate nel sistema istituzionale, ma anche nella Magistratura. E furono spesso coinvolti anche altri potentati,  settori del potere economico…, del mondo imprenditoriale…

Di quell’intreccio magmatico e violento Brescia fu un epicentro, non solo per l’immensità del fatto che lì si verificò, ma anche per come, nella società bresciana di quegli anni, si manifestavano le questioni generali di contesto che abbiamo richiamato. La scelta di Brescia non fu casuale.

Ho appena detto: anche l’economia… la situazione socio-economica c’entra.

Brescia era una città piccola, ma fra le più industrializzate, fra quelle che si erano industrializzate nella fase del boom economico, immediatamente dopo Milano. E le condizioni sociali in cui questo sviluppo avvenne negli anni ’60 erano davvero piene di contraddizioni.

Schematicamente solo qualche situazione emblematica. Io ero allora un giovane insegnante precario, immigrato a Brescia; nel ’72 (se ben ricordo) coi miei ragazzi a scuola studiammo un “libro bianco” dell’INAIL provinciale (per chi non lo sa, l’INAIL è l’Istituto nazionale di assicurazione per gli infortuni e le malattie sul lavoro) sull’andamento degli infortuni sul lavoro in provincia nel 1971. Risultava che, su circa 200 mila addetti all’industria manifatturiera (siderurgica in particolare), erano stati registrati ufficialmente 50.000 infortuni sul lavoro, in un anno! Infortuni di diversa gravità, ovviamente, ma si pensi comunque alla enormità del dato, e al suo significato.

Girando la provincia di Brescia, in quegli anni, trovavi piccole fonderie perfino nell’ultimo paese in fondo all’ultima valle laterale della Valcamonica… Dove spesso si lavorava in condizioni indescrivibili di disagio. Perché? Perché l’industria, era comunque simbolo di sviluppo, di modernità, anche se questo avveniva a costi sociali altissimi. Ciò nel momento in cui invece cresceva nel Paese (e quindi anche in quella realtà) una domanda di giustizia, di progresso, di evoluzione, di passi avanti… Per cui i contrasti erano davvero violenti nella vita reale della società.

E’ importante ricordare che quel 28 maggio, giorno della strage, era giornata di sciopero generale, ma solo a Brescia. Era uno sciopero provinciale proclamato dai sindacati, con l’adesione e il consenso di tutti i partiti democratici e del Comune, della Provincia, delle istituzioni tutte! (Comitato Unitario Antifascista si chiamava allora). Ma perché fu proclamato quello sciopero? Perché da mesi quelle cellule eversive neofasciste di cui abbiamo parlato erano all’opera: tutti i giorni c’era qualche provocazione. Se uno studente  faceva volantinaggio davanti alla sua scuola, arrivava un gruppetto di questi giovanotti neofascisti e ne nasceva un pestaggio; se una fabbrica delle tante era in sciopero per una vertenza aziendale e i lavoratori presidiavano i cancelli, regolarmente avveniva la provocazione, la rissa. Succedeva da mesi! E questi gruppi organizzati di provocatori erano conosciuti nella città. Si sapevano nomi e cognomi, si sapeva il bar che frequentavano quotidianamente.

Ecco, la “strategia della tensione” che si incarnava dentro una società reale; una società immersa in una fase di sviluppo molto intensa, attraversata da contrasti sociali molto forti. In quelle contraddizioni si insediavano i nuclei operativi della strategia eversiva. Lì trovavano terreno.

Ho detto poco fa di complicità e collusioni anche da parte del potere economico e di taluni ambienti imprenditoriali; ebbene, si sapeva che alcuni di quei militanti di gruppi neofascisti che, a viso scoperto, andavano a fare le provocazioni quotidiane, erano a libro paga in alcune delle fabbriche di proprietà di Lucchini, padrone di gran parte delle industrie siderurgiche della zona di Brescia e, successivamente, anche presidente nazionale di Confindustria, per alcuni anni.

Altro aspetto da considerare: si era svolto da qualche settimana il referendum sul divorzio, che in Italia (i più giovani non l’hanno vissuto) segnò, dal punto di vista della cultura civile, un passaggio fondamentale. A coloro di noi (capitò anche a me) che di sera partecipavano a qualche iniziativa di  campagna elettorale, veniva data indicazione di non uscire  soli  in città, a piedi, perché si rischiava di essere seguiti e pestati!

Qualche giorno prima (io abitavo nel centro storico) fummo svegliati a metà della notte da un’esplosione … Si seppe la mattina dopo che ad uno di quei ragazzotti appartenenti ai gruppi neofascisti esplose tra i piedi una bomba che stava trasportando, chissà dove, sulla pedaliera della sua Lambretta … gli esplose fra i piedi e morì.

Questo il contesto. Ed è facilmente comprensibile come in esso trovassero spazio forze eversive di ogni tipo, ma del quale anche le tensioni sociali erano parte. In questo intreccio di questioni si trova risposta alla domanda “perché a Brescia?”.

I gruppi operativi erano quelli che abbiamo descritto: piccole formazioni neofasciste, che potevano godere di protezioni, sostegni, coperture, anche a livello micro, nel territorio. Lo si è visto anche nel travagliato e irrisolto sviluppo delle indagini giudiziarie successive.  

Non credo che questa ricostruzione sia più di tanto viziata dalla mia personale specifica condizione: quella di un giovane insegnante immigrato a Brescia da pochissimi anni -e quindi in qualche misura “esterno” a quella realtà-, che oltre a svolgere la sua professione si dedicava con passione all’impegno sindacale nel Sindacato Scuola della CGIL, peraltro fondato da pochissimi anni.

Da ultimo una considerazione sul sindacato e sul ruolo che svolse in occasione della strage e degli eventi successivi.

Degli 8 morti ben 5 erano insegnanti e tutti componenti il Comitato Direttivo provinciale del sindacato scuola della CGIL; 2 erano, come me, membri della Segreteria provinciale.

Due giorni prima della strage alcuni di noi -me compreso- risalirono in auto da Roma a Brescia, essendo appena terminato il congresso nazionale del sindacato scuola. Parlammo a lungo fra di noi della manifestazione che si sarebbe svolta due giorni dopo, augurandoci che tutto si potesse svolgere con serenità e senza incidenti; poiché noi stessi eravamo consapevoli del clima di tensione che incombeva.

Nella condizione di emergenza assoluta che seguì l’attentato, e nei giorni immediatamente successivi, le Confederazioni Sindacali assunsero su di sé la responsabilità di essere presidio unico del mantenimento della legalità democratica in città, concordandolo con le autorità. Fino al giorno dei funerali che fu, ve lo assicuro, un giorno di terrore, oltre che di immenso dolore; terrore per quanto sarebbe potuto succedere in quel contesto di tensioni davvero terribili. Il sindacato, i suoi dirigenti, i suoi militanti organizzarono e vigilarono su ogni azione che si svolgesse in città, fin anche sul controllo del traffico. Quelle vicende, ed il contesto in cui erano maturate mettevano in discussione la credibilità e l’autorevolezza di ogni istituzione e di ogni autorità costituita; solo il sindacato riuscì a garantire la legalità e la fedeltà alla Costituzione come unica alternativa al terrore.

 

Utente

Ultimi commenti

Iniziative varie



LEZIONE ANNUALE ASTRIL

Martedì 31 ottobre alle ore 10.30, presso la Sala delle Lauree del Dipartimento di Economia dell'Università di Roma Tre, si terrà laLEZIONE ANNUALE ASTRIL con il Presidente ISTAT prof. Giorgio Alleva su “LAVORO, POVERTA’ E DISUGUAGLIANZA: UNA LETTURA INTEGRATA DEI DATI”.




Seminario di discussione

Seminario di discussione: Un lungo addio? I rapporti tra i partiti e i sindacati presso il Dipartimento di Scienze sociali ed economiche (DiSSE) Facoltà di Scienze politiche, Sociologia, Comunicazione Università degli studi di Roma «La Sapienza»- Via Salaria, 113 Aula Portico - Martedì 17 ottobre 2017 ore 10:30 - 13:00



SEMINARIO ''LE RELAZIONI INDUSTRIALI''

LE RELAZIONI INDUSTRIALI TRA GALLEGGIAMENTO E PROGETTUALITÀ. NUOVE FORME DI CONTRATTAZIONE AZIENDALE, PARTECIPAZIONE E WELFARE. Il 13 giugno 2016 presso SPAZIO IDEA – VIA LANZONE 36, MILANO Ore 16.00 – 19.00

Durante il seminario verrà, tra l’altro, presentato il libro: IL MUTUALISMO. PER UN NUOVO STATO SOCIALE

di Sandro Antoniazzi, Marco Carcano, Sergio Zaninelli

 PROGRAMMA DEL SEMINARIO

Presentazione del seminario

Andrea Volpe, Direttore Generale ISMO

Introduzione al tema ed ai contenuti del libro

Sergio Zaninelli, già Rettore Università Cattolica del Sacro Cuore

Spunti per un progetto sul rapporto fra produttività, welfare aziendale, partecipazione e contrattazione aziendale

Marco Carcano, Senior Partner ISMO

Tavola rotonda coordinata da Roberto Ferrari, Senior Partner ISMO Piero Albini, Direttore Area Lavoro e Welfare di Confindustria

Marco Bentivogli, Segretario Generale FIM CISL

Elena Lattuada, Segretario Generale CGIL Lombardia

Umberto Tossini, Direttore Risorse Umane e Organizzazione Automobili Lamborghini

Interventi programmati di:

 

Manuela Amoretti, Sandro Antoniazzi, Alberto Apollo, Guido Baglioni, Roberto Benaglia, Andrea Pallante, Pierantonio Varesi, Luigi Volpe...



Il Socialismo europeo e la Grande Guerra

Il Socialismo europeo e la Grande Guerra - Trento, 23-24 giugno 2016 presso Le Gallerie Piedicastello, Trento – Sala Conferenze.

Giovedì 23 ore 15:00-19:30

Programma:

“Socialismi europei di fronte alla Grande Guerra” - Indirizzi di saluto a nome degli Enti organizzatori, della Provincia autonoma di Trento e del Comune di Trento
Presiede e modera: Giorgio Benvenuto Introduce: Paolo Pombeni Comunicazioni:

-Gabriele D’Ottavio: “Il caso tedesco” § Giulia Guazzaloca: “Il caso inglese”
-Maurizio Cau: “Il caso austriaco”
-Michele Marchi: “Il caso francese”
-Zeffiro Ciuffoletti: “Il caso italiano”

Conclusioni: Timothy G. Ashplant

“Attorno a Cesare Battisti: socialismo e nazione” Presiede e modera: Carlo Ghezzi
Introduce: Giuseppe Ferrandi
Comunicazioni:

-Mirko Saltori: “Il socialismo trentino”
-Fabrizio Rasera: “Cesare Battisti”
-Harald Troch: “Socialismo austriaco ieri e oggi”

Tavola rotonda
Presiede e modera: Gennaro Acquaviva Giuliano Amato
Susanna Camusso 



IL GOVERNO DELLA CITTA?

Convegno 12-13 maggio 2016 presso la Sala Buttinelli - parrocchia della Trasfigurazione di NSGC a  Roma in Piazza della Trasfigurazione 3 (monteverde).
Programma del convegno:
Giovedì 12 maggio alle ore 16.30: Roma un manifesto per la rinascita
Venerdì 13 maggio pre 9.30: Una politica per la città. Le buone pratiche amministrative 

Compila il form e avrai tutte le informazioni che ti serviranno per diventare Socio Koine
La trasparenza delle spese e delle fonti di finanziamento è un fondamento della cultura di Koinè